I.L.O. "UETP Alma Mater" - Università of Bologna


Numero scheda

62

Titolo

Derivati organometallici

Settore

Chimico

Descrizione

Le ricerche riguardano i polimeri che contengono metalli, ad esempio lo stagno. Lo stagno è un materiale ibrido che, combinato con molecole organiche, può avere differenti applicazioni: come farmaco è un antitumorale, oppure è un’ottima membrana nelle scissioni; può essere usato come sostanza antivegetativa, nelle vernici, per evitare, ad esempio, la proliferazione di alghe sugli scafi delle barche. Le alghe, infatti, corrodono le vernici provocando poi l’arrugginimento delle parti metalliche. Lo stagno impedisce la proliferazione di alghe. Inoltre può essere usato nei catalizzatori, poiché, aggiunto alla miscela dei reagenti, ne favorisce la reazione. E' stato studiato un sistema in grado di legare lo stagno a polimeri sintetici, in modo che, se impiegato come catalizzatore, rimane separato dalla reazione dei reagenti. La catalizzazione, cioè, non va a contaminare i prodotti della reazione stessa. In sintesi, legandolo a materiali polimerici, si riesce a ridurre o anche ad evitare la contaminazione. Questo studio è di importanza applicativa anche per eliminare gli effluenti delle aziende. Infine, lo stagno può essere usato come additivo nelle materie plastiche per evitarne la degradazione quando la plastica viene sottoposta ai processi di riscaldamento. Le nostre ricerche si occupano di ancorare lo stagno a molecole grandi in modo che non vengano rilasciate.
Applicazioni:
- miglioramento dei processi chimici nella produzione di determinati prodotti, grazie soprattutto all’eliminazione di effluenti tossici attraverso i processi di catalizzazione;
- miglioramento della qualità dei prodotti (vernici, stabilizzazione termica delle materie plastiche).




I.L.O. "UETP Alma Mater" - Università di Bologna
Tel.: +39 051 2098138 / 2098137
Fax.: 051 2098129
Email: miretta.giacometti@unibo.it

Stampa questa pagina